Un abbraccio... di stoffa! Stampa
Mercoledì 12 Dicembre 2007 04:32

In questo sito si parla di contatto col bambino attraverso il massaggio, ma anche attraverso il portare i piccoli. E' per questo che vi vogliamo presentare un'idea e un progetto portato a termine da due mamme di Milano che hanno sentito una forte esigenza di portare addosso i loro bambini. Una di loro, prendendo spunto dal mei tai, il tradizionale portabebè di origine cinese, disegna un particolarissimo marsupio e lo adatta alle sue esigenze di mamma "metropolitana". Il suo bambino deve poter essere portato sia davanti nei primi mesi, che sulla schiena quando è più grande, deve avere un bavero da tirar su quando c'è freddo, quando il bebè si addormenta o quando lo allatta, deve essere facilmente indossabile: ed ecco che nasce il MHUG! (che significa Mother Hug, abbraccio di mamma).

Mhug nasce dall’esigenza di vivere serenamente la quotidianità con un bambino, senza rinunciare alle normali attività e senza sacrificare il tempo prezioso dei suoi primi mesi. Lascia le mani libere, così è possibile dedicarsi al proprio bebè svolgendo tutte quelle attività che prima, con il bambino in braccio, erano impossibili. Si può cucinare, accudire i fratelli maggiori, girare per i negozi affollati del centro, addirittura presenziare ad una serata mondana ‘indossando’ il proprio bambino.mhug

Mei Tai MHUG permette l’utilizzo in molteplici posizioni (davanti come un marsupio, sul fianco, o sulla schiena come uno zaino) seguendo la crescita del bambino dal primo giorno di vita fino ai 3 anni e oltre.

Grazie a questo portabebè il bambino rimane in una posizione sana e fisiologica, il peso viene distribuito sul sederino e, grazie a questo, è possibile prevenire malattie come la displasia all’anca.
La struttura morbida rispetta la curva fisiologica della colonna vertebrale.
La posizione verticale aiuta nei casi di reflusso gastrico e facilita la digestione. Ultimo ma non meno importante, portare il vostro bambino e stare pelle a pelle con lui favorisce il legame di attaccamento.

Ma vediamo perché una famiglia dovrebbe avere un portabebè come MHUG:

  • Le ampie bretelle permettono di distribuire il peso su tutto il corpo.
  • L’alta e fasciante cintura avvolta sui reni permette di scaricare il peso del bambino sulle gambe e non sulla schiena.
  • È facile e veloce da indossare, anche sulla schiena, senza l’aiuto di nessuno.
  • Permette di allattare ovunque, in modo molto discreto, anche mentre si cammina.
  • È sicuro: il bimbo, anche se piccolo, non può cadere o scivolare.
  • È versatile, occupa poco spazio e si può infilare in borsa.
  • È ottimo per instaurare un vero e proprio "legame sicuro" dei bambini con i loro genitori.

È utile in città perchè il bebè, posto ad altezza adulto, non respira direttamente i gas di scarico delle auto. Inoltre ci si può muovere agevolmente tra macchine, bici e motorini posteggiati sui marciapiedi, si può prendere la metropolitana o salire su un tram. In una passeggiata in montagna il bimbo può osservare la natura da una postazione privilegiata o schiacciare un pisolino comodamente. Se poi il bimbo è già grande e vuole camminare un po' da solo, il nostro Mhug può all'occorrenza essere ripiegato e messo nello zaino.

Altri prodotti proposti dalle nostre due mamme sono la fascia lunga in tessuto ecologico di bamboo, per portare il neonato nei primi mesi come in una culla e la fascia ad anelli a "coda aperta", utilissima anche quando il bimbo cresce e cammina. Sul sito MHUG trovate anche molte informazioni sul portare i piccoli e una sezione molto curata con i pareri di esperti del portare, psicologi, ostetriche, esperti in allattamento. Da oggi è attivo anche il negozio online. Per info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo

Facciamo tanti complimenti ad Alli per la sua creazione e abbracciamo forte lei e il suo bimbo!

Commenti
Nuovo
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

LAST_UPDATED2