Il primo respiro Stampa
Scritto da Elena Dal Prà   
Lunedì 26 Gennaio 2009 19:00

"Il primo respiro" è un film che uscirà il prossimo mese in Italia ed è un documentario che parla della nascita. Sono molto curiosa di andare a vedere un film che sembra davvero speciale, come è speciale parlare della nascita nelle culture del mondo.

Riporto il commento de "La stampa" del 15 gennaio 2009.

Il regista: voglio commuovere, non far discutere
Sulle rive del Gange, tra i pellegrini; in Tanzania, nella tribù Masai appena scampata alla siccità; in America, nella comune hippie, con gli amici che cantano in coro; in Vietnam, nell’ospedale dove le donne partoriscono senza un gemito, come in una silenziosa catena di montaggio.

E poi in Messico, in piscina, accanto a delfini solleciti come medici esperti; in Brasile, nel cuore della foresta amazzonica; in Nigeria, sulla sabbia del deserto, secondo la tradizione tuareg; in Giappone dove il dottore Yoshimura spiega che «il parto è come l’alba e il tramonto, non si può accelerare nè rallentare»; a Parigi, sotto la Torre Effeil, dove la mamma ballerina si esibisce in bikini e pancione in palcoscenico. Miracolo, tragedia, mistero, la nascita rappresenta, secondo Gilles De Maistre, regista del documentario Il primo respiro «un momento di grazia» capace di mutare per sempre l’esistenza di chi lo vive.

Così, unendo due circostanze straordinarie, il parto e l’eclissi totale di sole del 29 marzo 2006, De Maistre ha girato un film emozionante come un thriller, commovente come una storia d’amore, destinato a far discutere e piangere, ma soprattutto a dividere perchè è facile leggerlo come un appassionato manifesto anti-abortista. «E’ una foto del mondo di oggi - replica l’autore - un’istantanea emozionale, che non contiene nè lezioni nè morali, ma che pone una serie di interrogativi riguardanti le disuguaglianze sociali ed economiche, l’accesso alla sanità, l’ecologia, le contraddizioni tra natura e progresso, le vittorie e i fallimenti della scienza». De Maistre precisa di non aver voluto prendere posizioni in tema di aborto: «Per me il problema centrale è la scelta.

Oggi ci sono donne che possono scegliere come far nascere il loro bambino, stabilendo le condizioni nei minimi dettagli, e altre che non possono farlo perchè la cultura cui appartengono glielo impedisce. Credo che ogni donna debba poter scegliere, e questo vale anche per la contraccezione e per l’aborto». Attraverso un evento speciale, ma anche assolutamente normale, De Maistre indica le storture del progresso, invita a riflettere su quanto la gravidanza possa mutare la vita delle donne, su come il modo in cui si è venuti alla luce modifichi per sempre l’esistenza. Ma non solo: «Il film è un tentativo di parlare d’amore, di porgere uno specchio per mostrare a noi stessi che siamo tutti uguali, che facciamo tutti gli stessi gesti con i nostri piccoli, che abbiamo le stesse lacrime, le stesse risate. Non volevo trasmettere nessun messaggio, volevo toccare il cuore della gente».

L’idea di usare la circostanza dell’eclissi come denominatore comune è un «artificio artistico», ma serve anche a «ricordarci il nostro ruolo nell’universo, ovvero abitanti di un sassolino collocato nello spazio. L’eclissi è un fenomeno che ci spaventa perchè va oltre i nostri limiti, proprio come il mistero della nascita».Il primo respiro, uscito in Francia tre mesi fa, è il frutto di 22 mesi di ricerche svolte da una squadra di dieci intervistatori. La sequenza più difficile è quella girata nel deserto dove Manè perde il suo bambino: «Non ce l’aspettavamo, è stato un momento molto duro». La madre meno amata dal pubblico è la canadese che decide di partorire senza assistenza medica e alla fine rischia la vita: «Ciascuno, vedendo il film, s’identifica, fa il tifo, s’innervosisce». Il primo respiro fa parte di una trilogia che comprenderà altri due documentari su eventi universali: «Uno sarà sulla morte, l’altro sulla ricerca dell’amore, intesa come unione tra due esseri, quindi ci occuperemo di matrimoni organizzti, di agenzie matrimoniali, del mito della seduzione».

www.luckyred.it/ilprimorespiro

Эти чары довольно "Видео сиська скачать"легко наложить, и они действуют пару "Программа для образ диска скачать"веков.

Он знал, как "Одноклассники скачать программу взлом страниц одноклассников"выбраться на улицу, поскольку с каменной "Песни жанны фриске скачать"террасы виллы прекрасно виднелись "Section 8 русификатор"городские ворота.

Это просто реконструкция, объяснил я.

Движение вдруг "Взлом одноклассника скачать"замерло, чтобы "Скачать оперу мини для телефона нокиа"никогда не завершится.

Помимо сна, игр "Скачать программу для компьютера для отправки бесплатных смс"и просмотра заранее записанных развлекательных программ, "Скачать программу самую новую"Питер исполнял обязанности первоклассного "Скачать игры для китайских телефонах"мойщика посуды в столовой.

Все они подпитывались сверху от контактных проводов с помощью складных токоприемников.

Commenti
Nuovo
elisa  - interessante     |27-01-09 18:32:42
non sapevo dell'uscita di questo film, ma sono incuriosita e cercherò di andare a vederlo (pancine permettendo!)
grazie per la segnalazione
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

LAST_UPDATED2