Quando vede il vasino solo come un gioco PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Giugno 2012 13:14
Un’altra domanda che viene spesso posta dai genitori in fase di “spannolinamento” è la seguente: che fare se il bambino vede il vasino unicamente come un gioco? In particolare una mamma riferisce di avere acquistato il vasino, ma la sua bambina sembra non avere capito molto bene la sua funzione: lo usa solo come una sediolina su cui giocare, senza in realtà fare nè cacca nè pipì. Capita che desideri stare lì seduta anche più di mezz’ora e all’esortazione della madre di scendere, resiste con pianti e bizze. La madre dice di avere pensato di togliere il vasino alla bambina e di riaprire il discorso “spannolinamento” a data da destinarsi.
A mio avviso il percorso verso le mutandine non è mai da ritardare troppo e se la bambina ha espresso il desiderio di poterlo usare, anche se in un modo non socialmente accettabile, non lo vedrei sotto un aspetto negativo. Negare il vasino rischierebbe di dare il messaggio alla bambina che non è in grado di usare il vasino in modo appropriato, sconfermando così la fiducia nelle sue stesse capacità. Ma se non crediamo noi nelle capacità e nelle competenze in divenire dei nostri figli, chi altri lo farà meglio di un genitore? Io cercherei piuttosto, invece di togliere il vasino, di cercare un compromesso che possa fare andare d’accordo tutta la famiglia. Per esempio si può decidere a priori quanto stare sul vasino, indipendentemente dal risultato. Sappiamo che la ricompensa più gradevole per un bambino è la soddisfazione di avercela fatta, di imitare noi, il mondo degli adulti, da sempre suo riferimento. Se non dovesse “produrre” nulla nei primi suoi approcci sul vasino, non preoccupiamoci, non lo fa certo apposta, anzi. La sua è una semplice imitazione: probabillmente ha visto i suoi compagnucci alla scuola dell’infanzia a desidera fare come loro. Vediamo quindi le sue richieste come un tenero tentativo di imitarci, di diventare grande, se poi non è ancora in grado di arginare i suoi desideri e di dare loro un limite, alzandosi dal vasino in tempi accettabili, concediamogli un po’ di tempo in più le prime volte, poi esortiamolo ad alzarsi se passa troppo tempo, indipendentemente dal risultato. Se poi si tratta davvero di un tempo eccessivo, non sconfermiamo il suo desiderio di indipendenza dicendo “non hai fatto nulla, alzati”. Rassicuriamolo dicendo che è stato bravo a sedersi lì, che però ora la mamma deve correre in cucina a fare la cena e che riproverà la prossima volta a stare sul vasino. Prima o poi i primi risultati ci saranno! Cercare una soluzione amorevolmente insieme è sempre la cosa migliore!
Per saperne di più leggi il libro "Via il pannolino!", capitolo 6 "Risolvere i piccoli problemi più comuni"
Commenti
Nuovo
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

LAST_UPDATED2